torna alla lista sintetica home page


preview






7.0.0
Nicolaus Petri Iohannis <Summi pontificis auctoritate notarius>
Ruolo: notaio
Henricus dominus Taliabovis <podestà>
Ruolo: rogatario
Mactheus dominus Briganomis <giudice>
Ruolo: rogatario
Paulus Macarangi dominus Iacobi
Ruolo: testimone
Somaus Serrandi Petri
Ruolo: testimone
Bennenatus Iamboni
Ruolo: testimone
Petrus domini Gentilis
Ruolo: testimone
Iacobus domini Gentilis
Ruolo: testimone
Tipologia: copia autentica
Tradizione: originale
Regesto: Il notaio Nicolaus Petri Iohannis redige copia dell'atto di cui alle schede 4 e 7.0.1 che pubblica per autorità del podestà dominus Henricus Taliabovis e di dominus Matheus Briganomis giudice alla presenza di testimoni.
Note tergali: Iurium comunis Interamne in castro Papinee. (XV) Quando castrum Papinee fuit supignoratus et [...]. (XV) Pignoratio castri Papigne facta comuni Interamne. (XVI) 1220, 12 martii; Venditio cum pacto redimendi de castro Papinee facta per domini de Arrone ad favorem comunitatis Interamne cum duobus aliis instrumentis in pede allegati. (XVIII)
9 ottobre 1277
membranaceo; 413 x 165mm.
Terni <territorio> - Storia - Fonti archivistiche
Terni - Archivio di stato - Regesti
Pergamene
Terni
Arroni <famiglia>
Papigno <territorio>
LAT
IT
B/N
13PInvia segnalazione
7.0.1
Transaricus Arronis Raynaldi
Ruolo: rogatario
Odo Rainaldi
Ruolo: rogatario
Transaricus Octaviani de Arrone
Ruolo: rogatario
Iohannes <imperiali curia notarius>
Ruolo: notaio
Thomas Aldebrandini de Labro
Ruolo: testimone
Pandulfus de Labro
Ruolo: testimone
Thomas Pandulfi de Labro
Ruolo: testimone
Tomas Atti de Interamna
Ruolo: testimone
Donadeus Beraldi de Interamna
Ruolo: testimone
Philippus de Interamna <iudex>
Ruolo: testimone
Thomas Rainaldi de Interamna
Ruolo: testimone
Tipologia: pignoratio
Tradizione: copia
Regesto: Transaricus Rainaldi Arronis (a nome proprio e dei fratelli Gentilis, Tomassus e Octavianus), Odo Rainaldi (per se e per la sua parte) e Transaricus Ottaviani de Arrone (per se e per suo fratello Gentilis e per i suoi cugini Octavianus e Rainaldus Anselmi) cedono in pegno a Lucas Boncontis, camerlengo del Comune di Terni, tutto il castello di Papigno, con tutti i suoi territori, dalle cave in su, con tutti gli usi e le utilità, e similmente le Marmore, in cambio di un prestito di 1300 libbre di buona moneta lucchese, con facoltà di riscatto; come interesse per la somma prestata, il Comune di Terni percepirà tutti i diritti e i redditi dati dai due castelli e dai territori annessi. Se in capo ad un anno non si giungesse alla restituzione della cifra, il Comune di Terni diverrà proprietario dei beni. Qualora gli Arroni non rispettassero i patti, si impegnano a pagare il doppio della cifra avuta.
12 marzo 1220
membranaceo
Terni <territorio> - Storia - Fonti archivistiche
Terni - Archivio di stato - Regesti
Pergamene
Papigno <territorio>
Arroni <famiglia>
LAT
IT
B/N
14PInvia segnalazione
A, 1
Buono
Inchiostri parzialmente deleti
Secolo XVII: A - n°18 - Mutius Iozzius deputatus
Secolo XVII-XVIII: Sub n°260
Secolo XVII-XVIII: Fascetto n° 26
AST - Archivio di Stato di Terni

AbbreviazioniAbbreviazioni

Utilizzo a pagamento

Peso: 6032 MbyteRisoluzione: 300 dpi
Sta in: HD Farini


Torna alla lista sintetica