torna alla lista sintetica home page


preview






72.0.0
Laurentius Iudicis Abrae de Sulmona <imperiali auctoritate publicus notarius et nunc in dictus comitatus et terris notarius generalis>
Ruolo: notaio
Anestasius dominus de Interampna
Ruolo: testimone
Nicolaus Angeli Fuge de Interampna
Ruolo: testimone
Coscius de Pisis <vicarius castri Strunconis>
Ruolo: testimone
Iohannes Pecçutus de Flagianell[.]
Ruolo: testimone
Nicolaus Vetulus de Tarano
Ruolo: testimone
Petrus Girardi de Interampna
Ruolo: testimone
Iacobus dominus de Porclano <rector in spiritualibus>
Ruolo: testimone
Coscius de Pisis <vicarius castri Strunconis.>
Ruolo: testimone
Nicoalus Angeli Fuge de Interampna
Ruolo: testimone
Tipologia: atto notarile
Tradizione: originale
Regesto: Dominus Nicolaus Gaytanus de Pisis, giudice e vicario generale della contea di Sabina, della città di Terni e dei castelli di Stroncone e Otricoli nonché castellano della rocca di Miranda per dominus Guarnaçonus de Anagni, nipote del papa e rettore delle suddette terre, città, castelli e rocche per santa romana Chiesa, rilascia a Iacobus domini Gentilis de Interampna, in qualità di sindaco e procuratore del Comune di Terni e dei suoi ufficiali, quietanza di pagamento della somma di 180 fiorini d'oro che lo stesso ha versato per le condanne e i processi a carico del Comune, del podestà e del giudice del popolo dal giorno della refutatio della città e dei suoi ufficiali da parte del rettore fino ad allora. Con ciò vengono conclusi e annullati tutti i processi e le condanne di cui sopra con l'eccezione del processo di inquisizione in corso relativo all'insulto e alle altre offese che il vicario dichiara di aver subito dal Comune nel castello di Stroncone. Nello stesso giorno il vicario ordina a Iohannes Meliorati publico castaldo della curia di bandire pubblicamente che il comune, il podestà, il giudice del popolo, gli ufficiali, i defensores e i consiglieri della città di Terni non sono più perseguibili per aver pagato la pena loro comminata e per essersi adeguati alla sentenza emessa a loro danno. Sempre nello stesso giorno il vicario promette a Iacobus domini Gentilis e a dominus Anastasius ambasciatori della città di Terni che, se Petrus Girardi, per se e per Iohannutius e Syngiorictus suoi nipoti, e Nicolaus Angeli Fuge volessero ricorrere, tramite il sindaco e il Comune e avendo il loro consenso, contro le sentenze e gli appelli emessi dovranno affidarsi al podestà, a dominus Anastasius e a dominus Iocosus di Terni che dovranno agire entro il termine che egli stesso dovrà stabilire, oltre il quale non sarà ammesso alcun ricorso.
Note tergali: - Quietatio facta per dominum Nicolaum Gaytanum comitem sabinensem de processibus et scriptis et aliis rebus. (coeva)
Actum: in camera palatii comunis Tarani
15 ottobre 1296
membranaceo; 478 x 245mm.
Terni <territorio> - Storia - Fonti archivistiche
Terni - Archivio di stato - Regesti
Pergamene
ITA
IT
B/N
122PInvia segnalazione
B, 6
Buono
inchiostri parzialmente abrasi, gore di umidità e macchie di inchiostro. Due tagli simmetrici prodotti intenzionalmente. (cfr. n°63)
Secolo (XVII): - n° 8 - Mutius Iuzzius deputatus
Secolo (XVII): - n° XXXXVI
Secolo (XIX-XX): 6
AST - Archivio di Stato di Terni

AbbreviazioniAbbreviazioni

Utilizzo a pagamento

Peso: 4020 MbyteRisoluzione: 300 dpi
Sta in: HD Farini


Torna alla lista sintetica